Che basta un colpo di vento per

 

 

Che basta un colpo di vento per è il titolo di un’edizione che suggerisce movimento, cambiamento, voli; e che troverà eco in un programma vario e per tutti.  Numerosi saranno gli spettacoli dedicati ai bambini e ai giovani, così come quelli pensati per gli adulti.

Dopo l’esperienza diffusa dello scorso anno, la rassegna teatrale torna a concentrarsi soprattutto nel borgo di Arzo, mantenendo, tuttavia, una parte della programmazione anche a Meride.

Quello del 2022 vuole essere un festival sostenibile: con l’acquisto dei biglietti per gli eventi in programma, gli spettatori e le spettatrici potranno utilizzare gratuitamente i mezzi pubblici su tutto il territorio cantonale.

 

ORDINA ORA LA TUA MAGLIETTA DEL FESTIVAL

 

 

È possibile diventare socio del Festival versando un importo minimo di fr. 50.—, sul conto corrente postale intestato a Associazione Festival di narrazione, Arzo, IBAN CH69 0900 0000 6520 9440 2. Ai soci del Festival sarà garantita una riduzione sui prezzi dei biglietti e degli abbonamenti.

Programma 2022

EveryBody - laboratorio per adulti

con Irene Serini e Caterina Simonelli

19.08.2022 dalle 14:00 alle 18:00

laboratorio per adulti

Adulti

Nel corso del laboratorio teatrale EveryBody, le due attrici Irene Serini e Caterina Simonelli guideranno i/le partecipanti in un’indagine sia personale che collettiva sull’identità di genere. Il percorso è dedicato in particolare a chi opera in ambito educativo e si trova quindi a rivestire un ruolo fondamentale nel delicato e complesso processo delle costruzioni identitarie

 

 

Il laboratorio avrà luogo venerdì 19 agosto 2022, dalle ore 14 alle ore 18 ad Arzo

 

Il costo è di 100 franchi e comprende la quota per il laboratorio di venerdì e l’ingresso allo spettacolo Abracadabra. Incantesimi di Mario Mieli di e con Irene Serini (in scena sabato 20 e domenica 21 agosto alle 18.30).

 

Per info ed iscrizioni sofia.perissinotto@festivaldinarrazione.ch

 

Irene Serini

 

Dopo il diploma al Piccolo Teatro di Milano riceve il Premio Hystrio alla vocazione. A teatro viene diretta da Luca Ronconi, Serena Sinigaglia, Tonino Conte, Gioele Dix, Renato Sarti e molti altri. Ideatrice, autrice e interprete di spettacoli che indagano su identità di genere e sessualità: Moana Porno-Revolution, monologo comico che vede in Moana Pozzi il modello femminile imposto a cui ci si sente costrette e inadeguate, ma che è anche simbolo di una sessualità sofferente; Variabili Umane, 14 persone di diverse identità di genere e diverso orientamento sessuale si ritrovano in scena a condividere libertà di pensiero e azione, al di là di ogni binarismo. Attualmente sta portando in scena Abracadabra – incantesimi di Mario Mieli, un progetto composto da cinque studi teatrali e un docufilm, basato sul pensiero del più controverso tra i fondatori del movimento omosessuale italiano.

 

Caterina Simonelli

 

Si Diploma nel 2005 alla Scuola del Piccolo di Milano. Lavora in Scozia, nella compagnia internazionale Charioteer Theatre, diretta da Laura Pasetti. In Italia viene diretta tra gli altri da Marco Baliani, Michela Lucenti, Bruce Myers, Luca Ronconi, Alfonso Santagata, Federico Tiezzi. Nel 2011 vince il Premio Virginia Reiter e fonda la Compagnia IF Prana con la quale produce, dirige e interpreta: 13 buoni motivi per rinunciare al suicidio, vincitore del bando Giovani in Scena; In alto mare, finalista di Scintille Festival Asti Teatro; Grow, coproduzione con la Compagnia Lombardi-Tiezzi

 

IL PROGETTO NARRARE SENZA STEREOTIPI  è sostenuto dal Programma integrazione cantonale del Dipartimento delle Istituzioni della Repubblica e Cantone